NDZ.it - Mario Kart 8 - Mario Kart 7 - Mario Kart Wii - Forum & Community : Il vostro 2020 in campo videoludico - NDZ.it - Mario Kart 8 - Mario Kart 7 - Mario Kart Wii - Forum & Community

Vai al contenuto

Pagina 1 di 1
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

Il vostro 2020 in campo videoludico Per chi è sopravvissuto

#1 Utente offline   Rael 

  • Queen do Brasiu
  • Gruppo: Members
  • Messaggi: 6520
  • Iscritto il: 11-June 08
  • Genere:Femmina

Inviato 01 January 2021 - 21:42 PM

Aww shit here we go again:

Il 2020 è terminato da poco, ed è dunque il tempo di tirare le somme. Mi pare d'obbligo un Topic in cui ripercorrere il nostro anno videoludico, facendo mente locale e ripensando (per un attimo) ai momenti più belli trascorsi con il pad alla mano.
Cerchiamo di dare spazio e concedere notorietà a quei videogiochi che, vuoi per un motivo, vuoi per un altro, sono riusciti a contraddistinguersi (in qualche maniera) e a lasciare un segno nei nostri cuoricini impuri!
Qui si parla di sorprese, delusioni, conferme. Volete stilare una classica Top 10 dei vostri preferiti del 2020? Siete liberi di farlo!
Volete parlare di un gioco in particolare che vi ha incuriosito, o che vi ha impresso qualche emozione? E' il posto giusto per gridarlo a quattro stuc! Volete criticare a manetta, o elogiare a dismisura? Avanti il prossimo!
Volete narrare qualche episodio divertente, o citare aneddoti vari? Fatelo! :p

Insomma, in parole povere: cosa avete giocato; cosa vi è piaciuto; cosa vi ha fatto schifo!

Premessa: per 2020 intendo i giochi che avete giocato nel 2020, non quelli usciti quest'anno l'anno appena passato. Quindi possono essere citati anche titoli usciti nel 1984 e rigiocati per la ventesima volta (tanto per dire).


Bene, mi interessava aprire il topic. Ora non ho tempo di scrivere altro, quindi lo lascio incustodito alla mercé delle vostre manacce...
Fatevi valere!

P.S: topic spudoratamente copiato da: http://www.ndz.it/fo...po-videoludico/
Immagine inserita
Immagine inserita
"quella rosalina di merda che aspettava che prendessimo tutti l'item prima di usare il fulmine[...]
[...]e quel figlio di puttana che usa rosalina può benissimo schiattare anche domani"

Visualizza messaggioRael, su 16 January 2009 - 14:22 PM, ha detto:

MK64, io ci ho giocato parecchio a quel gioco in multi e posso assicurare che c'era davvero poco da lamentarsi in fatto di oggetti.
0

#2 Utente offline   AlucarDD 

  • NDZ Stucias Member
  • Gruppo: Members
  • Messaggi: 4029
  • Iscritto il: 16-October 11
  • Genere:Maschio
  • Località:Roma

Inviato 02 January 2021 - 16:07 PM

Nel 2020 ci sono stati diversi momenti in cui sono stato "fermo" (ma dai?): teatri chiusi, scuole a distanza, produzioni bloccate o rimandate a data da destinarsi... molte delle quali non sono più ripartite. Il ritmo della mia vita è passato dalla frenesia al blocco totale nell'arco di poche ore, ed i mesi dei lockdown ci hanno stretto dentro 4 mura per tanto necessario tempo. Visto che non avevo un cazzo da fare ho recuperato delle cose che dovevo giocare da un bel po'!


Immagine inserita


Prima di tutto il macello iniziato a marzo, però, ho giocato tanto tra gennaio e febbraio all'early access di TemTem. Praticamente un caro amico mi ha chiesto se mi andasse di giocare con lui e credendo di non avere il gioco gli risposi che non mi andava di spendere 30+ euro per un gioco incompleto. Turned out che mio fratello aveva lanciato a Crema 50 euro per il kickstarter quando uscì, quindi non solo ho la copia ma un titoletto in-game e dei cosmetici che ad oggi si vendono per enormi cifre sul web. Yes! :mm: Sì mi sono inguattato la sua copia, ma tanto lui non ha il tempo di giocarci.
Ad ogni modo il gioco è molto molto bello, vario nella sua limitata scelta ma vario anche nel meta, che cambia spesso a seconda anche del contenuto che viene aggiunto a cadenza mensile. Ma stavo parlando di gennaio/febbraio, ed in quel periodo praticamente il gioco era appena stato rilasciato... quindi non aveva molte features qol che invece ho trovato una settimana fa quando ho ripreso in mano il gioco. La cosa che mi piace di più è l'aspetto competitivo MMOish che funziona ed è addicting: certo, ci vuole tempo per imparare e farsi un team, ma ne vale la pena. In più, oltre questo, il gioco in se è non facile (proprio la modalità storia intendo) - più volte sono morto o ho dovuto cercare di adattare le mosse ed il team per andare contro i dojo leaders (che sarebbero i capopalestra). Ad oggi il level cap è 58 e sono presenti 5 dojo, ma a quanto pare dal mese prossimo intendono aggiungere una nuova isola con forse altri 2 dojo e praticamente un intero nuovo tipo. In breve su questio gioco c'è la possibiltà di giocare competitivo in-game con una ladder (che tra l'altro porta TUTTI i tuoi IV al max, quindi devi preoccuparti solo degli EV - limitante verso il fattore speed, ma ottimo nel resto davvero), breeddare senza fattore fortuna (però è molto costoso di currency ingame purtroppo), housing, ci sono le gilde e le guerre di gilda (che intendono aggiungere nel prossimo update), una customizzazione del pg molto varia e con un sacco di abiti e colorazioni, puoi fare shiny hunting, ci attività su base settimanale ed eventi in-game... insomma è davvero l'esperienza MMO pokemon-ish che ho sempre voluto. Spero che il gioco non si perda strada facendo. Aggiungo che tutti i temtem hanno animazioni personali, ti seguono propriamente scalati, etc. In più sarà che non siamo in tanti, ma la community è davvero carina. We'll see. Mi dispiace doverci giocare su PC, a Maggio o insomma quando ci sarà la release su Switch credo passerò lì in pianta stabile.

Poi ecco, è da tenere a mente che gioco ancora tanto a League of Legends. Vabbè tra aprile e maggio e a poco fa a novembre ci sono ricaduto dentro con tutte le scarpe perchè ero proprio demoralizzato dalla vita ed avere compagnia costante mi ha aiutato tantissimo. E' il gioco tappabuchi per eccellenza nel mio caso. Tra l'altro era diciamo l'unico gioco effortless che riuscivo a giocare per rilassarmi in compagnia quando lavoravo ed ero in accademia prima del virus. Non parlo dei ritmi che avevo 3-4 anni fa ma ci sono stato vicino. Proposito per il 2021: Gabriè hai rotto er cazzo fai altro grazie. C'è stata anche la parentesi among us ma è stato sempre solo un passatempo specialmente con i miei amici irl. Una parentesi non lunga perchè ci siamo un po' rotti le scatole presto.

A inizio marzo ho giocato a Pokémon Mystery Dungeon DX, il remake del primo capitolo della saga su switch. Carino. E' sempre bello fare un tuffo nostalgico tra i titoli che hanno fatto la nostra infanzia. Non mi sento di dire altro perchè me lo sono divorato praticamente in 2 giorni e non ho dei ricordi nitidissimi, ma è stato molto piacevole. Tra marzo e aprile ho giocato anche un po' a Ring Fit Adventure: davvero un ottimo concept. Non mi è piaciuto troppo, ma è spassoso e particolare. La realtà è che pensavo potesse sostituire la palestra ma anche per le circostanze, il mio umore... insomma non credo abbia migliorato così tanto il mio fondoschiena... :lakitu: con i ritmi giusti sicuramente è un gioco salutare (e grazie ar cazzo), ma la realtà è che a giugno-luglio-settembre ho preferito andare a correre fuori come al solito.
EDIT: mi sono dimenticato di citare oltre 300 ore su Animal Crossing: New Horizons. Ho cavalcato tantissimo l'hype per questo gioco, ed è stato un mondo parallelo in cui sparire per un po'. Devo rimetterci la mano, perchè l'ho abbandonato completamente prima dell'inizio dell'estate. Non mi ero mai messo così tanto tempo su un AC... di solito mi annoio presto (New Leaf è durato una cinquantina di ore, credo), e mi ha piacevolmente ricordato i giorni che passavo sul capitolo per Wii (che era una merda, ma era comunque la mia infanzia!).

Immagine inserita

Rimpiango non aver giocato prima al miglior Final Fantasy di tutti. Sebbene sia MOLTO (e dico, MOLTO) legato al decimo capitolo della saga, dopo aver giocato Final Fantasy IX ho capito che questo gioco ha un'anima profonda ed una cura che è davvero pazzesca. Probabilmente se avessi giocato quando ero piccolo a FFIX me ne sarei innamorato come è successo con l'X. E' tutto quello che ho sempre apprezzato dei giochi storici della saga e non solo: un mondo fantasy senza tecnologie steampunk o overfuturistiche, con un cast di personaggi davvero forte (a parte l'edgy quota primi anni 2000, a cui comunque non mi sono riuscito troppo a legare non per colpa del personaggio ma per il poco spazio che gli è stato riservato), dialoghi divertentissimi (consiglio VIVAMENTE la traduzione italiana)... insomma il pacchetto completo per regalarmi il top dell'esperienza videoludica che ricerco in un JRPG.
Per non parlare delle musiche! Cazzo, ho scritto un +1 enorme su tutte le emozioni che mi trasmetteva il tema di battaglia casuale di questo gioco (forse anche esagerando a livelli un po' cringey). E poi vabbè, chi ci avrà giocato capirà, ma You're not alone non penso se ne andrà mai dallo spazio che ha affittato nel mio corazon.
Il gioco è quindi, nella sua semplicità, il top. Sebbene consideri ancora FFX il mio preferito (al cuor non si comanda), non ho alcun dubbio nel dire che FFIX a livello qualitativo sia una spanna sopra. Anche perchè durante la quarantena ho visto giocare FFX interamente da un amico (shoutout al servizio di streaming di discord) e penso che sia invecchiato un po' zoppicando... a livello di gameplay eh. Comunque Switch è comodissima per giocare a JRPG, è ufficialmente diventata da un po' la mia console preferita per giocare a questi titoli. Next on the line è FFVIII che divide la playerbase completamente. Ma sta fila di giochi si fa sempre più folta ed io sono lento come un caprone...

Maggio-giugno è sessione per me, quindi non ho giocato niente di particolare. A luglio sono riuscito a partire per l'accademia e ciaone a ogni forma di schermo che non fosse il cellulare, e poi agosto vabbè... in realtà avrei voluto giocarmi Xenoblade Definitive edition. Cioè, mi ero preparato tutto per iniziare questo gioco dispendioso di tempo ma... mio fratello è partito per l'Inghilterra, dove ora lavora, e beh ecco se l'è portato dietro. Quindi a Agosto ho giocato ad Earthlock che avevo scaricato a una roba come 5 euro. Spoiler: non ha saziato la mia voglia di Xenoblade. E' un gioco simpatico, ma in realtà niente di più. Non mi ha entusiasmato il livello di difficoltà che spikava in continuazione e il cast di personaggi è piuttosto anonimo. Giochero il secondo capitolo però che so essere in sviluppo. Magari riusciranno a migliorare alcuni aspetti del primo e allora sarà un gran bel gioco, chissà.

Immagine inserita


Ovviamente sono arrivato tardi anche su Slay the Spire, gioco del quale neanche sapevo dell'esistenza. Tant'è che quando me ne parlarono credevo fosse uno di quei giochi che vive il momento e muore con un mese. Lo stavo per comprare perchè l'avevo visto in sconto, ma poi ho scoperto che l'avevo retail. Non so effettivamente quand'è stata l'ultima volta che ho pagato per un gioco, forse SwSh? :pippotto:
Questo gioco è una droga. Non mi spendo a parlare del gameplay perchè è piuttosto popolare e si può intuire anche vedendo un video di 5 secondi su YT, ma ragazzi questo titolo è una bomba. Mi ci sono chiuso in una maniera boh preoccupante. Tra l'altro capita spesso che in questi tipi di giochi dopo 1 o 2 playthrough io voglia subito ottimizzare i tempi di gioco e quindi di solito spizzo online le strat migliori e cose così, ma con Slay the Spire ho avuto una gran voglia di scoprire da solo le carte migliori e le sinergie efficienti. Penso di averle provate tutte, non mi sono mai concentrato a migliorare solo un tipo di mazzo. In 33 ore ho battuto il boss finale con un pg, ne ho impiegate una 40ina per finirlo con tutti e 3. Il gioco ha una replay value oscena, ed è uno spasso costante. Ve lo consiglio davvero davvero tanto per il prezzo che costa praticamente è regalato. Probabilmente lo riprenderò in mano a breve per fare ulteriori ascensioni, ovvero il new game+. Ce ne sono 20 per pg e io sto ad un 4-5 generale.

Immagine inserita

L'ultimo della lista che sto giocando in questo periodo. Sulla stessa linea di Slay the Spire, Dicey Dungeons è un gioco roguelike particolare. Ha delle meccaniche tutte sue che si basano sull'utilizzo di dadi che rolli ogni turno, ed in base ai numeri che escono puoi utilizzare tecniche che ti prepari nella board e che assimili piano piano ad ogni playthrough ovviamente da zero. Questo gioco sembra immenso, tra l'altro. Ci sono tante classi ed ogni classe ha diverse modalità sfida. Per ora ho concluso le sfide di Guerriero, Ladro e Robot (che sono classificate come le classi più semplici). Quando lo riprenderò in mano cercherò di concludere le restanti. Dico riprendere perchè ora è stato messo da poco un aggiornamento su TemTem e... vabbè. :babymario:

Cosa dire del mio 2020 videoludico? Pensavo fosse più pieno in realtà... scrivendo questo post (come è successo l'anno scorso) mi sono reso conto che è successo l'opposto, e che ho giocato a pochi titoli. Sarà che scoprire FFIX mi ha fatto ricredere su un po' di cose e mi ha aperto gli occhi verso altre. Poi ecco: come se non bastasse un MOBA in mezzo alle palle, ora c'è anche l'MMO. Ops.
0

#3 Utente offline   Nonno  

  • La "variabile impazzita".
  • Gruppo: Members
  • Messaggi: 4700
  • Iscritto il: 14-August 08
  • Genere:Maschio
  • Località:Livin' in a Material World

Inviato 06 January 2021 - 17:49 PM

La mia fame di WOT è inarrestabile, quindi ho deciso di ritornare più ingordo che mai e fare un MEGA POST che leggerete in due, MA STICAZZI io intanto mi sazio scrivendo righe su righe.

Il 2020 dicevamo, dalla regia mi fanno cenno di non fare battute su una qual certa pandemia perché risulterebbero stantie, ma in realtà questo è stato l’anno in cui finalmente non ho dovuti mettere il naso su libri universitari nemmeno per errore, quindi ho ripreso un onesto regime di videogiocatore. O almeno, mi sarebbe piaciuto farlo.

Immagine inserita


Inizio con Fire Emblem Three Houses, primo gioco acquistato per Switch, iniziato nel 2019, giocato saltuariamente quest’anno e ben lontano dall’essere concluso, ma lo inserisco per completezza.
Potrebbe questo essere il titolo Fire Emblem definitivo? Che ne so, manco l’ho finito, ma questo non mi impedisce di analizzare gli aspetti che mi sono piaciuti e altri che mi hanno reso dubbioso.
L’hub di gioco è ENORME e vivo, e rende piacevoli gli intermezzi tra i capitoli, notoriamente il momento più palloso nei giochi precedenti. Non avevo questa sensazione di vastità da veramente tanto tempo, e perdermi nella mappa mi ha riportato a deja-vù infantili.
Le varie lezioni, insegnamenti e cazzi vari da impartire alle proprie unità a prima vista possono lasciare perplessi e con il dubbio di non aver capito appieno tutto, ma andando avanti nel gioco si inizia a prendere la mano con gli aspetti più macchinosi del gioco, e ci si rende conto di come sia il modo perfetto per ottimizzare tediose sessioni di grinding.
I personaggi ringraziando il cielo non mi sembrano caratterizzati in maniera monodimensionale, a differenza di come accadeva su Awakening e Fates (a parte qualche eccezione). In più sono veramente TANTI da reclutare, e se da un lato questo permette di non avere vincoli sui personaggi da utilizzare, dall’altro la razzia operata nelle fila delle altre case lascia un sapore “spersonalizzante”. Forse avrei preferito che ogni personaggio di una casa restasse esclusivo della corrispettiva route da prendere, anche in virtù dei mille paraloghi a scadenza che iniziano ad accavallarsi uno sull’altro, e che sono da pianificare attentamente col calendario interno della storia.
Forse gli unici aspetti che non mi piacciono sono quelli da dating sim, svolta che IS sta abbracciando sempre di più in una serie che in teoria non c’entrerebbe una beata mazza con roba del genere, ma che nella realtà dei fatti si è inserita nella serie e dobbiamo tenercela. Invitare gente a pranzo o a un tè è quanto di più lontano ci sia da uno strategico di guerra, e ogni volta che mi si para davanti la scritta “CHE SPLENDIDA CHIACCHIERATA”, una parte di me muore silenziosamente.
Ma a parte questo, il gioco mi stava piacendo e mi piace moltissimo tuttora, se non fosse per il fatto di aver scelto il livello di difficoltà più difficilissimo per dover dimostrare qualcosa di imprecisato a me stesso (stesso caso di quando giocai Fates Conquest Hard al primo pt FINENDOLO), cosa che ovviamente mi rallenta non poco.
In più, se in passato assumevo un aspetto bulimico nei confronti dei FE, divorandoli in un boccone, adesso per forza di cose mi rendo conto di non avere così tanto tempo per giochi così enormi, quindi vado molto a periodi in cui sono più libero.
Three Houses in conclusione è un giocone strapieno di roba da fare, talmente strapieno che forse qualcosa poteva essere limata per permettere uno scorrimento più fluido della storia. Ma siamo avanti anni luce da quelle ciofeche deludenti di Awakening e Fates, sperando che entri nell’Olimpo della saga come i Tellius e Shadows of Valentia.

Immagine inserita


Anche Link’s Awakening in teoria è stato iniziato nel 2019, ma le battute finali si sono protratte fino al 2020 perciò voglio spendere qualche parolina anche per lui.
Premetto che non ho mai giocato all’originale o al DX, quindi non posso fare confronti, perciò lo prendo per quello che è: una gemma.
Il gameplay è quello classico di qualsiasi Zelda, ma è l’atmosfera che si respira a lasciare il segno: è un gioco dolce, delicato, malinconico.
Il twist del sogno è noto a tutti, e sapere che ogni sforzo compiuto nel gioco viene fatto per effettivamente far sparire un mondo intero lascia una strana sensazione, soprattutto se si interpretano i vari boss come poveri cristi che cercano di fermare Link soltanto per sopravvivere e per evitare la distruzione dell’isola. Dal dungeon finale in poi è tutto un enorme punto interrogativo che se da un lato non lascia certezze, dall’altro comunica perfettamente un clima onirico di eventi che si succedono senza una logica precisa.
Il tema della libertà viene espresso più volte, in particolare da Marin, che ha un rapporto così particolarmente tenero con Link da ricordare un nostalgico amore infantile, e sapere che quella libertà che anela non è possibile per lei, anzi, non può effettivamente esistere, è una cosa che stringe il cuore.
Su sto forum ci sono state analisi ben più approfondite nei riguardi di questo gioco, e non mi spingo oltre. Ci sono stati anche post che mi hanno fatto spisciare ricordandomeli a distanza di tempo, come quello in cui Wario ricordava come il negoziante assassino gli avesse fatto il culo.
In conclusione, mi aggiungo alla lista di quelli che considerano questo titolo un piccolo capolavoro, un gioco toccante, e altri mille modi per esprimere ammirazione verso un vg “di nicchia”.

Immagine inserita


Il mio 2020 vero e proprio inizia scaricando Crash Team Racing Nitro Fueled, e ragazzi è stato vero e proprio amore. O meglio, un ritorno di fiamma prepotentissimo verso una delle mie primissime cotte. Una roba come tipo 20 anni fa io e il dottor Cortex insegnavamo l’educazione sui kart ad amici e AI, e ritornarci dopo due decenni per ritrovare un mood che non si è perduto, se non quasi invariato, è stata una cosa talmente meravigliosa da non credere che fosse possibile.
L’upscale grafico e i miglioramenti di gameplay sono sono l’inizio: nuovi personaggi, nuove piste, nuove modalità di gioco, estrema personalizzazione, missioni quotidiane/settimanali, oltre alla manna dal cielo per questo genere di giochi, e cioè aggiornamenti su base mensile che aggiungono sempre più roba... aspetto che per me è durato 2-3 mesi perché sono entrato quando CTR verteva verso la sua fase finale.
Ma non per questo vale di meno, pur perdendo il supporto continuo resta un gioco ad altissimo livello e mi sembra paradossale averlo pagato così poco perché non potrei chiedere altro da un gioco di kart. La componente nostalgica ci ha sicuramente messo del suo, sbloccando tutta una serie di ricordi su bandicoots, scienziati pazzi e animali mutanti che pensavo essere stati sepolti dopo decenni interi di idraulici baffuti, principesse e tartarughe.
Resto una schiappa che non ha avuto modo di misurarsi con l’online e che nonostante ci abbia provato con ogni fibra del suo corpo non è riuscito nemmeno a vendicare il suo onore di moccioso sbloccando quel bastardo cane di N. Tropy, ma mi ci sono comunque divertito da morire.
Il kart game DEFINITIVO e VELOCISSIMO, e giocarci mi ha fatto abbandonare in malo modo quello strano ibrido che è Mario Kart Tour, e spero che se la Nintendo voglia far uscire in un prossimo futuro un nuovo MK prenda il più possibile esempio da CTR e non da MKT, sotto letteralmente ogni aspetto.
Spero ancora in un remake di Crash Bash!

Immagine inserita


A fine febbraio vengo sottoposto a un trapianto di capelli (SEEEEE) e sono costretto a una decina di giorni circa a casa, tempo che ho usato per pigliare coraggio e iniziare Pokémon Scudo.
Sono talmente imbarazzato da non sapere da dove iniziare.
Ormai è mia opinione che Game Freak si stia specializzando su soltanto tre cose: il design dei pokémon, che dalla sesta generazione predilige la qualità sulla quantità traducendosi in una media medio-alta da questo punto di vista; il design dei personaggi, sempre più accattivanti, anche se come spessore abbiamo degli sbilanciamenti in favore di alcuni e a discapito di altri; le musiche, che restano ormai l’unico apice di una serie andata a puttane anni e anni fa.
La curva di difficoltà è ormai inesistente, la gimmick è underused e verrà dimenticata nella prossima generazione, la trama è ancora più nonsense di quella di SM, con qualsiasi cosa che succede nell’arco di letteralmente 10 minuti, per poi interrompersi durante il climax e infine per riprendere in una maniera talmente goffa da farti chiedere chi abbia approvato una cosa del genere. Paradossalmente se l’unica trama fosse stata la sfida delle palestre trattata come un evento sportivo l’avrei gradita infinitamente di più, come stavo effettivamente facendo prima che ogni cosa assumesse una piega del tutto surreale.
Le terre selvagge sono belle e ampie, ma vuote e pigre, e pensare a tutto quello spazio sprecato che avrebbe potuto ospitare mille mini eventi o segreti fa salire la rabbia. Le città di contro sono ben fatte e hanno perso l’effetto corridoio (a parte la palestra buio che ancora grida vendetta), ma auspico veramente che sta storia dell’ispirarsi a paesi esistenti finisca perché lo trovo estremamente limitante con ambienti che si amalgamano tra loro in maniera poco confortevole. E faccio finta che la città delle fate non sia copincollata da quella di XY.
Non posso dire che mi abbia convinto o che abbia ancora voglia di giocarci (non ho fatto ne l’evento del leggendario di copertina ne scaricato il dlc), ma mi consolo pensando che almeno non è SM.
Che è come dire che almeno non sei la merda più merda della serie, ma se non altro SwSh non mi ha fatto allontanare dal brand per anni come la settima generazione.
E almeno non l’ho pagato a prezzo pieno.

Immagine inserita


Per togliermi il saporaccio lasciatomi da Scudo, e decidendo finalmente di mettere un punto alla storia del Pokédex con Pokémon Home, passo i primi mesi della pandemia riprendendo quel pezzo da novanta di Pokémon HeartGold, gioco che non prendevo in mano da 5-6 anni e non mi ricordavo che fosse quasi esente da difetti.
Ammetto che in passato sono stato esasperato nei confronti di questi titoli, perché le prime cose che qualsiasi fesso chiede per i titoli futuri sono due: visitare più regioni e i Pokémon che li seguono.
Ma al netto di questo, sti giochi sono pieni come un uovo di cose da fare, oltre a raggiungere l’apice nel campo degli sprites dei pokémon, e riuscendo a infondere una fortissima personalità alla regione, cosa che il GBC non riusciva a comunicare efficacemente. La mia anima di Hoenn-fag vacilla, e sento che nel mio personale podio il primo posto è condiviso tra appunto Hoenn e Johto, che non ricordavo essere così bella, con dei giochi che sono quanto più vicini alla perfezione si possa chiedere.

Immagine inserita


Arriva giugno, e arriva il mio regalo di compleanno posticipato causa lockdown.
Animal Crossing lo si ama o lo si odia, ma a sto giro ho visto spuntare nuovi giocatori come funghi. E il titolo se li merita tutti: dopo un inizio lentissimo che è una martellata sui maroni (tipo il primo mese), il gioco spicca il volo e si trasforma in un’enorme sandbox dove sei libero di fare qualsiasi cazzo che ti pare, o quasi.
Cosa che da un lato è fenomenale, soprattutto se sei un tipo creativo che pensa al di fuori degli schemi, dall’altro è una croce per i poveri stronzi perfezionisti come me che non sono mai felici dei propri risultati. Soprattutto perché le bastarde con pagine Instagram dedicate al gioco condividono continuamente roba bellissima e geniale che fa sembrare la tua isola una discarica a cielo aperto.
A parte tutto, il gioco resta fenomenale da questo punto di vista, e se sei una persona minimamente fantasiosa questo AC è un must, anche se tutti gli altri aspetti sono rimasti semi-invariati rispetto ai titoli precedenti.
Ho notato però che c’è molta più attenzione per i dettagli, e se gli altri giochi ti fornivano oggetti e mobilio che non avevano senso di esistere, qui i designer hanno studiato le ultime mode sia in fatto di arredamento che di vestiario, tanto che non è raro di imbattersi in pezzi sospettosamente simili ad alcuni realmente esistenti (tanto che Ikea ha creato un mini catalogo online ispirandosi a stanze create nel gioco, per dire).
Ci sto giocando tuttora, anche se con meno trasporto e con meno voglia di finire un’isola che so già non mi soddisferà, ma è l’effetto burn out che fa questo genere di giochi.

Immagine inserita


Un altro gioco che purtroppo ho iniziato e sto prendendo in mano in maniera ancora più sporadica per quanto fa piangere è quella immondizia invereconda di Let’s Go Eevee, preso per la questione Pokémon Home, e anch’esso comprato usato a un prezzo da rottamazione perché GF non vedrà più i miei soldi dopo SM.
Quasi nulla di buono da dire, Kanto ha l’unico merito di essere la regione base e le tre dimensioni donano poca tridimensionalità. I pokemon nell’overworld mi danno sensazioni contrastanti, perché a volte ci stanno bene, in altre occasioni diventa un’accozzaglia di modelli 3D che effettivamente non fanno nulla di particolare.
Il resto è tutto fortemente annacquato, e anche se ho scelto un team di mezze seghe apposta riesco ad andare avanti in maniera totalmente mindless. Se faccio un elenco delle cose che hanno tolto non si finisce più, ma devo dare il “merito” di aver inserito qualche elemento e linea di backstory, che in realtà non aggiunge nulla di nuovo ma va solo a confermare diverse teorie che circolavano da anni.
Dall’altro lato però i nuovi personaggi rubano la storia dei personaggi Rosso e Blu, cosa a cui ad oggi non riesco a trovare un senso se non per il fatto che nella settima generazione alla GF piaceva proprio giocare (male) con la storia delle dimensioni alternative e parallele.
Tutta sta storia si riassume con una sola parola: bah.

Immagine inserita


Mario 3D All Stars! Quanto HYPE!
Sfumato dopo una settimana perché di Mario 64 ho bei ricordi solo dei primi quadri di gioco, mentre il me moccioso arrancava male in quelli da metà gioco in poi, lasciandomi subconsciamente con delle memorie non piacevolissime.
Sunshine invece è un gioco che ho amato e adorato visceralmente, e voglio dedicarmici quando avrò calma e tempo.
Galaxy mai giocato, e vorrei dargli sinceramente la precedenza. Avrei voluto iniziarlo durante ste feste natalizie, ma vabbè.

E questo è stato il 2020. Quest’anno penso di dover assolutamente recuperare roba come Odyssey o BotW prima che esca il sequel. In più c’è una certa N. Sane Trilogy di Crash che mi stuzzica e un L.A. Noire che è nella mia wish list da tipo una vita. E direi, finire Fire Emblem. E imparare a fare gli screenshot da Switch.
DAJE, ci vediamo l’anno prossimo.
Immagine inserita

Immagine inseritaImmagine inserita Immagine inserita Immagine inserita
0

#4 Utente offline   POEoeta 

  • NDZ Ultra Member
  • Gruppo: Members
  • Messaggi: 1418
  • Iscritto il: 15-November 11
  • Genere:Femmina

  • Codice 3DS:
    2793-0605-6167

Inviato 06 January 2021 - 20:07 PM

 Nonno, su 06 January 2021 - 17:49 PM, ha detto:



Il 2020 dicevamo, dalla regia mi fanno cenno di non fare battute su una qual certa pandemia perché risulterebbero stantie, ma in realtà questo è stato l’anno in cui finalmente non ho dovuti mettere il naso su libri universitari nemmeno per errore, quindi ho ripreso un onesto regime di videogiocatore. O almeno, mi sarebbe piaciuto farlo.


Galaxy mai giocato, e vorrei dargli sinceramente la precedenza. Avrei voluto iniziarlo durante ste feste natalizie, ma vabbè.



concordo, uno dei migliori anni di sempre :pippotto:
cmq, Galaxy è una merda, nn ci perdere troppo tempo
ciao Nonno
LA LIVELLA DI NINTENDO

"Mario Kart 8 è l’ennesimo capitolo di una storia infinita, di una sfida che si ripete uguale e diversa a ogni generazione"

"Se avete un Wii U, dovete avere Mario Kart 8. Anche perché è con tutta probabilità il miglior Mario Kart di sempre"

"Se siete abituati alle derapate super controllate di Mario Kart Wii, preparatevi a qualcosa di differente"

"Usando le moto ora è più difficile sfruttare il loro drift per tagliare velocemente ogni singola curva"

"Tutti e tre i nuovi bonus sono ben equilibrati e aggiungono qualcosa in termini di dinamiche"

"Scambiarsi i fantasmi, sfidare gli amici e poi bullarsi sul Miiverse è una vera goduria"

"Mario Kart 8 è un susseguirsi continuo di emozioni, quando si parla di track design"

"I replay sono uno spettacolo nello spettacolo, vale la pena perderci lunghi minuti"

9.5 BELLISSIMO!

Visualizza messaggioTHE Zìò, dice:

Già la faccia come il culo di cercare di rivendermi il medesimo gioco a prezzo pieno tre anni dopo senza nemmeno degnarsi di sviluppare un capitolo nuovo è roba da dichiarare guerra al giappone

Visualizza messaggioDarkRoy, su 29 June 2014 - 12:50 PM, ha detto:

Lascia perdere Zio, a parte rarissimi casi l'editoria videoludica, in generale, non è mai iniziata. C'è di tutto: fanboy a tutto spiano; recensori chiaramente corrotti e influenzati nei loro articoli; "veterani" che riempiono i loro articoli di riferimenti letterari e musicali, infarcendo la recensione di reminiscenze nostalgiche e dissertazioni filosofiche su Mario Kart salvo poi, quando è l'ora di analizzarne il gameplay per dare un senso al borioso articolo appena scritto, prendere cantonate allucinanti e inammissibili...
Bello, eh?

Visualizza messaggiolaw, su 29 June 2014 - 20:08 PM, ha detto:

Sono forte contro i bimbi dai 6 anni in giù Immagine inserita



POEoetawtf ha realizzato 8,995,730 punti giocando a Puzzle Bobble
FUCK-OFF ha realizzato 6,747,110 punti giocando a Puzzle Bobble
POEoeta ha realizzato 6,161,480 punti giocando a Puzzle Bobble
Checco ha realizzato 3,077,830 punti giocando a Puzzle Bobble

POEoeta ha realizzato 3,804 punti giocando a BamBoo Assassins
Checco ha realizzato 3,153 punti giocando a BamBoo Assassins
FUCK-OFF ha realizzato 3,108 punti giocando a BamBoo Assassins
POEoetawtf ha realizzato 3,078 punti giocando a BamBoo Assassins

POEoetawtf ha realizzato 86,403 punti giocando a Arkanoid MX
Checco ha realizzato 86,024 punti giocando a Arkanoid MX
FUCK-OFF ha realizzato 84,916 punti giocando a Arkanoid MX

POEoetawtf ha realizzato 96,360 punti giocando a Pacman
Checco ha realizzato 87,710 punti giocando a Pacman
FUCK-OFF ha realizzato 83,840 punti giocando a Pacman

POEoetawtf ha realizzato 278 punti giocando a Boomshine
Checco ha realizzato 255 punti giocando a Boomshine

POEoetawtf ha realizzato 504,950 punti giocando a Blobber
Checco ha realizzato 469,780 punti giocando a Blobber

FUCK-OFF ha realizzato 2,260 punti giocando a Snake
Checco ha realizzato 2,056 punti giocando a Snake

POEoetawtf ha realizzato 55,555 punti giocando a Squares 2(su nwegrounds.com :warez: )
Checco ha realizzato 17,268 punti giocando a Squares 2

POEoetawtf ha realizzato 130,600 punti giocando a Tower Blaster
Checco ha realizzato 17,140 punti giocando a Tower Blaster

POEoeta ha realizzato 201,201 punti giocando a Tetris
POEoetawtf ha realizzato 147,504 punti giocando a Tetris
Checco ha realizzato 130,620 punti giocando a Tetris
Fuck-off ha realizzato 97,372 punti giocando a Tetris

POEoeta ha realizzato 36,972 punti giocando a BananaBarrage
POEoetawtf ha realizzato 24,034 punti giocando a BananaBarrage
Checco ha realizzato 22,979 punti giocando a BananaBarrage

Checco THE BEST!
:pippotto:
0

Condividi questa discussione:


Pagina 1 di 1
  • Non puoi iniziare una nuova discussione
  • Non puoi rispondere a questa discussione

1 utente(i) stanno leggendo questa discussione
0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi